venerdì 24 febbraio 2012

Un viaggio inizia sempre con un solo passo (anche nel marketing online)


Qual'è la percezione delle PMI italiane a proposito di marketing e comunicazione via Internet ed eCommerce? Quali differenze ci sono rispetto a piccole e medie imprese di altri Paesi? Una bella ricerca di Epson, citata nel blog "In cerca di idee" del Sole 24 Ore, ci offre uno spaccato molto puntuale e realistico della situazione delle microimprese da 1 a 10 dipendenti, ossia il 94,7% delle aziende italiane. Dati (la ricerca completa è qui) che confermano una base culturale molto migliorabile da questo punto di vista, con diversi spunti da approfondire. Ne propongo alcuni.
  • L'eCommerce è importante, i dispositivi e l'infrastruttura IT possono aspettare: l'85% degli interistati sostiene che le vendite online sono una buona opportunità di business (in UK è solo il 59%) ma non si investe in PC nuovi e solo il 59% ritiene importante aggiornare costantemente le soluzioni tecnologiche utilizzate (in Spagna il dato è al 93%). Sarebbe come sostenere che è importante utilizzare un'auto che non inquini l'ambiente e poi continuare a girare con una Euro 1.
  • Badiamo a sopravvivere, non a cercare nuovi clienti: mantenere costanti le prestazioni a livello di business e stabilizzare la situazione sono le due priorità, atteggiamenti comprensibili vista la situazione ma fino a un certo punto. Perché solo il 19% delle PMI sta perseguendo una strategia di crescita (36% la media dei 5 Paesi analizzati). Sarebbe come sostenere che si vuole fermare il crollo di una diga continuando a mettere le dita nei buchi e non pensando a come risolvere la situazione in modo più duraturo ed efficace.
  • Bello il marketing online ma ho già troppe cose da fare per impegnarmi davvero: il 72% delle PMI italiane lo ritiene uno strumento importante per competere anche con le grandi aziende (secondo il 59% degli intervistati). Tuttavia, un'azienda su due dice che ha troppe cose da fare per utilizzarlo come si deve. Sarebbe come sostenere... va bene, basta pensare alla volpe e l'uva
  • Marketing online? Non sappiamo da dove iniziare: il 60% degli intervistati italiani dichiara di non sapere cosa fare quando si tratta di marketing online (secondo la mia esperienza diretta, si tratta di un dato forse ancora troppo ottimistico). Sempre il 60% delle PMI italiane teme di restare indietro se non inizia ad aumentare la propria presenza online. Ma non fanno molto né per imparare né per mettere in pratica quanto appreso. Questi dati non hanno bisogno di metafore, parlano già da soli.
Il quadro che ne esce è, in verità, lo stesso che ho visto io in questi 10 anni. Molti dicono di crederci nel marketing e nella comunicazione, con o senza Internet, e poi fanno poco o nulla per mettere in pratica questa convinzione. La frase che riassume il tutto è "intanto bado a sopravvivere, domani si vedrà". Si tratta di una strategia di breve, brevissimo periodo. E poi?

Le opinioni sono importanti ma contano i fatti. Cara PMI, non sai da dove iniziare? Chiedi a un esperto, ce ne sono tanti di bravi in giro (ecco un'opportunità fresca fresca). Basta capire che investendo poco oggi, domani si avrà un vantaggio competitivo enorme nei confronti dei tuoi concorrenti, perché il mondo va verso quella direzione. Ogni viaggio inizia con un solo passo, dice un proverbio cinese. Cara PMI, fallo quel passo. Oggi.

1 commento:

  1. Mi unisco anche io: e fatelo sto passo!

    RispondiElimina